DANCE IN PROGRESSS

Un nuovo modo di vivere la DANZA e il TEATRO

Corsi di danza, teatro, teatrodanza per tutti i livelli e tutte le età e non solo...

Trattamento dell’Obesità con DCA: Metodo Multidisciplinare Integrato

Potremmo iniziare con una lunga sequenza di statistiche epidemiologiche e con un infinito elenco delle complicanze derivanti dai Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) e dall’Obesità e proseguire fornendovi una dettagliata spiegazione scientifica relativa alle motivazioni per cui la dieta ipocalorica restrittiva non è la soluzione (altrimenti non sareste qui e avreste già risolto).

Vogliamo, invece, scattare la foto al punto zero.

Tornare a quel momento storico/professionale in cui la frustrazione vissuta da chi si occupa del trattamento di questi disturbi ha prodotto la sana esigenza di affrontare la problematica da un altro punto di vista, rinnovando le strategie terapeutiche.

Immaginate una psicologa e una dietista giovani e piene di entusiasmo che iniziano il loro percorso presso uno degli Ambulatori più popolati da persone affette da DCA e Obesità. In breve tempo cominciano a rendersi conto di una ciclicità costante nella storia terapeutica di questi pazienti: iniziano la dieta, modificano il peso corporeo in alcuni casi anche velocemente, interrompono la dieta con manifestazioni di disagio di varia natura (psicologiche, emotive, comportamentali), recuperano il peso perso spesso con gli interessi.

Frustrante per il paziente … frustrante per tutti!


E’ il lontano 2008 e la Dott.ssa Tiziana Persichetti Auteri (psicologa, psicoterapeuta) e la Dott.ssa Silvia Pierangeli (Dietista) cominciano a confrontarsi sulla frequenza con cui le strategie terapeutiche tendono al fallimento di tutti gli obiettivi e ad interrogarsi sulle possibili motivazioni.

Il quesito che ha dato la svolta all’impostazione del percorso è stato “perché la persona normopeso è normopeso e la persona Obesa è Obesa? Quali sono le differenze?”. Domanda apparentemente sciocca (tutt’altro) che rappresenta il punto di partenza, l’embrione del nuovo metodo terapeutico multidisciplinare integrato che negli ultimi 5 anni si è strutturato ed evoluto in un protocollo scientifico del Policlinico Torvergata di Roma, potenziando il gruppo di lavoro in un vero e proprio staff composto oltre che dalle sue fondatrici dalla Dott.ssa Rosanna Delle Monache (psicologa, docente), Dott.ssa Sara Dell’Ariccia (pedagogista, tecnico del movimento), Dott. Giuseppe Canto (dietista), Lorenzo Gautieri (tecnico del movimento).


PERCHE’?

La differenza sostanziale tra una persona normopeso e una persona sovrappeso/obesa non è nel metabolismo, nella restrizione calorica che attuerebbe il normopeso costantemente e tantomeno nella fortuna. La differenza sta nel significato che viene dato al cibo e al ruolo che occupa nella vita della persona. Quando il cibo diviene il compagno di ogni momento, l’alleato di ogni disagio e il marito di tutti gli stati emozionali, perderà il suo ruolo adattivo e funzionale invadendo tutti i livelli di funzionamento: comportamento, pensiero, emozioni. In parole povere il cibo diviene lo strumento di elezione per placare disagi e frustrazioni, per coprire emozioni negative e fronteggiare gli eventi in assenza completa dello stimolo della fame. Molte persone non hanno nessuna consapevolezza di tutto ciò e quasi nessuno strumento per affrontare il disturbo nella sua complessità.


CHE COSA È QUESTO METODO MULTIDISCIPLINARE INTEGRATO? PSICOTERAPIA CORPOREA RI-PERCETTIVA INTEGRATA COGNITIVO COMPORTAMENTALE

I DCA e l’Obesità hanno in comune lo stesso nucleo psicopatologico relativo ad un marcato disagio dell’Immagine Corporea che rappresenta il nucleo della persona. (Fairburn,C., Cooper,Z. &Shafran,2003). L’Immagine Corporea è ciò che la persona sente di sé, valuta di se e del mondo, l’immagine che ha del corpo nella sua mente. (Schilder,P. 1935). Quando il disagio è marcato i sintomi rappresentano un occultamento che la persona mette in atto inconsapevolmente. I numerosi comportamenti alimentari disfunzionali attenuano e assopiscono i disagi, portando la persona a vivere quei momenti come gli unici momenti sereni e appaganti di interminabili giornate di tensioni e fastidi. Di fatto il disagio sarà sempre più marcato a causa delle conseguenze di quei comportamenti alimentari e aumenterà l’esigenza di rivolgersi al cibo per attenuare ulteriore disagio innescando un subdolo circolo vizioso patologico. (Cuzzolaro,M. 1998). Emerge senza molti dubbi che i DCA e l’Obesità sono disturbi molto complessi che nulla hanno a che vedere con la forza e la volontà della persona e che la correzione del comportamento alimentare rimane una delle strategie terapeutiche da mettere in campo, ma sicuramente non la priorità.

“Il trattamento dell’obesità in sé è tuttora basato in modo riduzionistico su un approccio che prescrive modificazioni comportamentali senza prestare attenzione ai processi cognitivi che le influenzano.” (Jansen,A)

Il metodo Psicoterapeutico ideato dalla Dott.ssa Persichetti parte da una profonda conoscenza di questi disturbi sia teorica che su campo e affonda le sue radici nelle Neuroscienze di ultima generazione.

“Il corpo è la mente” (Damasio,A. 1994) questa affermazione è la chiave di tutto il modello terapeutico. Il rispecchiamento mente/corpo rappresenta il centro propulsore di tutta una serie di tecniche terapeutiche innovative che mirano alla percezione e alla ri-percezione corporea. Sollecitando Schema Corporeo e Schemi Motori la persona intraprende il cammino di una consapevolezza corporea/emozionale (percezione) e del possibile ampliamento e modificazione corpreo/emozionale (ri-percezione). Tale processo, grazie alla plasticità del sistema, porterà ad un rispecchiamento sugli schemi cognitivi e alla ri-determinazione dell’intero sistema. In parole semplici la persona inizierà affrontando il primo step relativo alla consapevolezza del proprio corpo e dei propri vissuti emozionali per poi orientarsi verso cambiamenti possibili e realizzabili, con il supporto dei nuovi strumenti costruiti nel percorso della terapia. L’integrazione prevista dal metodo include contemporaneamente alla Psicoterapia Corporea Ri-Percettiva Integrata Cognitivo Comportamentale (in gruppo): l’Attivazione Corporea Basis (ACB) e la Psicoeducazione Nutrizionale Guidata di gruppo.

L’Attivazione Corporea Basis (ACB) guidata dal Tecnico del Movimento indirizza il corpo verso l'ottimizzazione della sue funzionalità. Tutte le fasce muscolari vengono sollecitate tramite esercizi di Ri-ossigenazione e Ri-attivazione senza nessuna sollecitazione osteoarticolare, con un miglioramento visibile della postura. il metabolismo viene riequilibrato stimolando la massa magra e ristabilendo un equilibrio psicofisico.

La Psicoeducazione Nutrizionale Guidata si fonda sul principio che la riabilitazione alimentare dovrebbe essere una procedura terapeutica educativa e non prescrittiva. In questo percorso anche l’intervento nutrizionale, si basa su un approccio di tipo cognitivo-comportamentale adattato a un trattamento di gruppo. Le fasi dell’intervento nutrizionale si snodano attraverso un percorso step by step che può essere descritto in 4 punti fondamentali:

 Acquisizione di consapevolezza sul sintomo (peso in eccesso) e sulle reali cause del problema (uso disfunzionale del cibo con conseguente squilibrio fra uscite e entrate caloriche)

 Compilazione efficace di un diario alimentare, per favorire la presa di coscienza da parte del paziente che sia la scelta di mangiare in generale, sia la scelta di mangiare determinati cibi non sono sempre dovute a fame fisiologica, ovvero alle reali necessità dell’organismo.

 Educazione alimentare (proposta di un modello corretto di alimentazione e di strategie realistiche e funzionali di balance)

 Comprensione e riconoscimento delle reali necessità del corpo (i fabbisogni) e delle necessità della mente (distinzione tra fame fisiologica e fame emotiva)

Questo programma di cura, riabilitativo ed educativo, punta alla modifica del comportamento verso il cibo, alla gestione e al raggiungimento di un peso naturale, alla maggior accettazione di sé e del proprio corpo. La perdita del peso non è dunque il focus del nostro intervento, ma una conseguenza naturale del raggiungimento di una condizione di equilibrio nel comportamento e nelle scelte alimentari (come avviene nella persona normopeso) da parte del paziente.

Un percorso che abbraccia tutte le sfaccettature di questi complessi disturbi per cui la persona affronta il disturbo a 360 gradi, trattando il peso come uno dei sintomi più evidenti e non come una causa.

Il peso non è la causa dei vostri mali (disagi) ma l’effetto!


PERCHE’ UN PROTOCOLLO?

In primo luogo un intervento multidisciplinare è solitamente dispendioso da tutti i punti di vista. Prevede la compresenza di diverse figure professionali e la possibilità di utilizzare diversi spazi che siano idonei allo svolgimento delle attività terapeutiche comprese nell’intervento, con aggiunta di attrezzature idonee. Si intuisce da questa breve descrizione del Metodo che tale percorso avrebbe costi piuttosto elevati per il paziente. In secondo luogo il metodo ideato dalla Dott.ssa Persichetti presenta diversi caratteri di novità che si prestano alla sperimentazione e corrispondono all’esigenza di “testare” la metodologia e sviluppare una ricerca in ambito scientifico. Da queste ragioni è nata la proposta di un Protocollo Scientifico approvato dal Prof. Paolo Sbraccia, responsabile del Centro medico dell’Obesità del Policlinico Torvergata di Roma. Tale protocollo prevede l’inserimento dei pazienti ,dopo uno screening psicologico e medico-nutrizionale, con la piena disponibilità di essi alla raccolta dati ,anonima, necessaria per la validazione metodologica sperimentale. L’inserimento nel protocollo da modo ai pazienti di contenere i costi dell’intervento.


STRUTTURA DEL PROTOCOLLO

Il Protocollo si svolge in collaborazione con l’ASD Dance in Progresss che opera presso la Palestra Fitnessdream in via Tiburtina 742-Roma, e presso il Centro Medico dell’Obesità del Policlinico Torvergata di Roma. Con l’intento di contenere i costi delle attività terapeutiche ogni paziente diverrà socio della ASD Dance in Progresss ,riconosciuta dal CONI, e si atterrà al regolamento associativo in vigore per tutti i soci dell’Associazione. Questo inserimento permetterà a tutti i partecipanti del protocollo di corrispondere una quota associativa simile al costo della frequenza in una qualunque palestra.

Per l’inserimento al Protocollo il paziente sarà sottoposto ad uno screening psicologico della durata di tre incontri presso il Centro Medico dell’Obesità con ticket agevolato e visita medico-nutrizionale.

Se idoneo al percorso il paziente verrà inserito nel Protocollo che è strutturato in due moduli terapeutici complementari:

-Modulo di intervento di Psicoterapia Corporea Ri-Percettiva Integrata CC di gruppo affiancato al modulo di Attivazione Corporea Basis (ACB)- MODULO I- presso la Palestra Fitnessdream il sabato dalle 11,30 alle 12,45 e il lunedi dalle 18,30 alle 19,15

-Modulo di intervento Psicoeducazione Nutrizionale Guidata di gruppo-MODULO II- presso il Centro Medico dell’Obesità Policlinico di Torvergata in un pacchetto di 8 incontri con ticket agevolato.

Il modulo I è propedeutico al Modulo II.